Goderecci.it

MailingList



Ricevi HTML?

ANTICA LOCANDA LA ROSELLA - Giba (CA) PDF Stampa E-mail
Sardegna
Scritto da Lamberto   
Domenica 22 Novembre 2009 15:04

ANTICA LOCANDA LA ROSELLA
"Clinica Gastronomica con Alloggio"
Via Principe di Piemonte, 135
Giba (CA)
Tel. 0781.964029 Fax. 0781.979205
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Estate sempre aperto.
Carte di credito tutte.

Ristorante consigliatomi dal proprietario dell’agriturismo dove alloggiavo che porgendomi il biglietto da visita con la curiosa dicitura "Clinica Gastronomica con Alloggio" mi ha dato ampie rassicurazioni sulla bontà del locale.
Situato nel comune di Giba poco a nord di Capo Teulada in una zona della Sardegna ancora poco frequentata dal turismo di massa condizione che, se da un lato denuncia una certa carenza di infrastrutture, dall’altro preserva il territorio e soprattutto le coste dall’inevitabile degrado che ne conseguirebbe. Nonostante la vicinanza del mare la ristorazione in queste zone raramente offre menù a base di pesce visto il forte legame con le tradizioni della terra (pastorizia e agricoltura), La Rosella è uno dei pochissimi locali che nel raggio di diverse decine di chilometri propongono pietanze ittiche.
Il locale si sviluppa su un’unica ampia sala interrotta da colonne, separè mobili e vasconi con composizioni floreali e di piante. Il soffitto a travi di legno scuro ben contrasta con il bianco delle pareti dove sono appesi quadri e suppellettili di provenienza agricola. I tavoli ben distanziati tra loro sono apparecchiati con tovagliati, posate e bicchieri di bella fattura.
La sala può ospitare circa 70 coperti più una serie di tavoli situati all’esterno sotto la veranda davanti all’ingresso.
Una delle prerogative del locale è quella di servire una serie infinita di antipasti a base di pesce (min. 2 persone al costo di 30 €) che con una buona bottiglia di vino e un dessert fungono da pasto. Altra proposta è quella del menù degustazione oltre naturalmente alla possibilità di ordinare alla carta.
La scelta è caduta sul menu degustazione per i grandi e alla carta per i piccoli, ma entriamo nel dettaglio.
Il menù degustazione prevede, oltre a una serie di antipasti, la scelta di un primo e un secondo su una rosa di pietanze, contorno, frutta o dolce e un calice di Vermentino. Gli antipasti vengono serviti con l’immancabile Pane Carasau condito con olio e pomodorini e si tratta di Polpo in insalata, Zuppa di cozze con crostoni di pane, Soutè di arselle e Carpaccio di affumicati (spada e tonno).
I primi: Spaghetti ai frutti di mare e Fregola con le arselle preparazioni ottime.
I secondi: Spigola arrosto con erbe aromatiche e Trancio di tonno alla Sulcitana quest’ultimo degno di lode, in pratica tonno di tonnara (siamo a pochi km da Carloforte e nella stagione di pesca) appena grigliato e cosparso da una salsa a base di pomodoro fresco aromatizzata con erbe.
Le scelta alla carta: Spaghetti al pomodoro (veramente) fresco e basilico (buoni), Ravioli di ricotta (ottimi), Zuppa di cozze con crostoni di pane (buona) e Filetto di manzo con patate fritte (la carne degli allevamenti sardi è buonissima).
Finiamo con una buona macedonia di frutta preparata all’istante e dei dessert di una nota gelateria.
Una critica la devo rivolgere al vino: non viene indicata la cantina di provenienza anche se all’assaggio ho potuto riconoscere un prodotto di buon livello e sebbene fosse servito in ampi calici, la temperatura di servizio era assolutamente inadeguata tanto da dover chiedere per ben due volte dei cubetti di ghiaccio e, se fosse stato comunque servito fresco, la quantità contenuta nel grosso calice, che è misurata per coprire l’intero pasto, si sarebbe inevitabilmente riscaldata durante la cena.
Costo finale per 4 persone: 94,60 Euri (il menù degustazione 23 Euro l’uno).

I voti:
AMBIENTE: 7 e mezzo (curato e accogliente);
SERVIZIO: 7 e mezzo (preciso, cortese senza fronzoli e senza pecche);
CANTINA: 7 e mezzo (anche avendo bevuto ciò che era previsto nel menù degustazione, la lista dei vini presentava una buona scelta di etichette che coprivano quasi tutte le regioni con prodotti spesso ricercati);
CUCINA: 8;
RAPPORTO Q/P: 8.

GIUDIZIO FINALE: Una buona "clinica" dove trovano ricovero i palati fini.

Aldo c’è !

Lamberto

Data della visita: 15 luglio 2006

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Dicembre 2009 11:33